Press Release. 1 Aprile 2021

Nasce a Parma la “Cittadella del Benessere”

Download PDF

Nasce a Parma la “Cittadella del Benessere”, un’area residenziale di oltre 16.000 mq pensata per garantire prosperità alle persone e alla comunità.

L’intervento, promosso dall’Impresa Allodi, prevede la realizzazione di un’area urbana alle porte di Parma, in un contesto sociale coeso e vivace, che includerà residenze private accompagnate da una serie di servizi innovativi, una Casa Residenza Anziani (CRA) e un parco diffuso in grado di migliorare la socializzazione e il benessere degli abitanti

Parma ha un motivo in più per consolidare la sua fama di città attenta alla cura del territorio e delle persone, già cresciuta negli ultimi decenni attraverso una serie di iniziative di alto profilo e sensibilità. La novità arriva dal progetto che Allodi, storica impresa di costruzioni, sta sviluppando in città, in località Vigheffio su un’area di 16.700 mq, con la precisa volontà di creare un nuovo modello abitativo, integrato e pensato per rispondere alle odierne esigenze dei residenti in termini di servizi, tecnologie e sicurezza.

La filosofia del progetto “Cittadella del Benessere” nasce infatti dalla volontà di apportare benessere sia fisico che mentale a persone appartenenti a fasce di età diverse e di rispondere alle esigenze di corpo, anima e mente attraverso aree di meditazione individuale ed esplorazione sensoriale, orticoltura, cucina outdoor, percorsi attrezzati per running e nordic walking.

Numerosi i servizi a disposizione dei residenti, tra i quali la concierge che gestisce il ritiro di posta e pacchi, piccole manutenzioni e l’innovativa prenotazione di pasti tramite app “ItChefWeb”, con cui ordinare i menù direttamente alla cucina di produzione.

Dal punto di vista edilizio, l’intervento prevede la costruzione di ville monofamiliari e di un edificio residenziale dotato di accorgimenti costruttivi e di servizi volti a sostenere il benessere della persona e l’autonomia. L’edificio è formato da 16 appartamenti di diverse dimensioni e caratteristiche (da 50 a 150 mq), che beneficiano di un contributo della Regione Emilia-Romagna.

Proges gestirà una struttura socio-assistenziale per persone non autosufficienti, con una capienza di circa 70 ospiti, che risponde al fabbisogno di servizi per la popolazione anziana non autosufficiente, previsto dalla programmazione socio-sanitaria della Regione Emilia-Romagna e attestato dalle lunghe liste d’attesa delle domande di residenza assistita.

“Da molti anni – dichiara Giancarlo Anghinolfi, direttore generale di Proges – sul nostro territorio manca un investimento importante rivolto all’assistenza di persone anziane non autosufficienti. La pandemia che stiamo attraversando, inoltre, ci ha spinti a innovare il nostro modello di assistenza e a ripensare profondamente la relazione tra servizi e territorio, tra salute e comunità. Con questo investimento Proges vuole portare a Parma la prima struttura per anziani dell’era post Covid”.

Il progetto include funzioni commerciali, tra cui un’area food & beverage concepita secondo la logica relazionale del “coffice”, ovvero uno spazio in cui sono presenti, oltre al servizio di caffetteria, zone e dotazioni per l’incontro, la lettura e lo smart working. Non manca un beauty center.

La posa della prima pietra è prevista per giugno 2021, mentre la conclusione dei lavori delle residenze avverrà a dicembre 2022.

Diversi i professionisti coinvolti. Il concept generale è stato affidato allo Studio Apostoli, atelier di architettura riconosciuto a livello internazionale per la progettazione in ambito benessere. “Ho accettato con grande entusiasmo l’incarico per questo progetto – commenta l’architetto Alberto Apostoli – intuendone da subito il carattere innovativo e le potenzialità in termini di benessere per le persone e l’ambiente, un tema che, alla luce degli eventi attuali, deve essere affrontato non solo a parole, ma con azioni concrete come questa”.

Lo Studio AIERRE, invece, si occuperà della progettazione delle residenze e degli aspetti tecnico-amministrativi e cantieristici.

L’idea alla base dell’intervento è frutto della sensibilità, tutta al femminile, delle sorelle Daniela e Michela Allodi, imprenditrici illuminate che si stanno impegnando con passione e determinazione per omaggiare la città di un progetto i cui valori principali sono più che mai fondamentali oggi e nel futuro: benessere, prevenzione e sicurezza.

Le due titolari dell’Impresa Allodi raccontano così il progetto: “Abbiamo pensato allo sviluppo di un nuovo modello per il comparto, altamente innovativo, affidandoci ai maggiori esperti del settore wellness, per realizzare residenze dotate di servizi di elevato standard, in un parco pubblico con appositi spazi e attività che permettano di prendersi cura del benessere delle persone nel loro complesso di anima, corpo e mente e che siano fruibili dai giovani di ogni età e abilità”.

“L’Unione Parmense degli Industriali – chiosa Annalisa Sassi, presidente UPI – esprime il proprio apprezzamento per il progetto della Cittadella del Benessere, presentato da un’impresa associata che è fra le imprese storiche del nostro territorio e dimostra, grazie all’impegno e alla sensibilità di Michela e Daniela Allodi, di saper interpretare al meglio l’ambizione delle nostre imprese di contribuire, con soluzioni innovative e di pregio, alla realizzazione di una elevata qualità di vita per la nostra comunità. Il nostro apprezzamento si estende anche a tutti coloro, Proges in primis, Studio Apostoli, Studio AIERRE, che a vario titolo condividono questo progetto”.

[sp_testimonial id="20417"]