Blog. 29 Aprile 2022

Benessere: ne abbiamo davvero bisogno?

Scritto da Andrew Gibson

Benessere: ne abbiamo davvero bisogno?

Storia e previsioni del prossimo futuro di un settore in costante evoluzione

Si potrebbe sostenere che la prima industria del Benessere formalmente riconosciuta sia iniziata poco dopo la Rivoluzione Industriale Europea oltre 200 anni fa. Un’industria sviluppata per fornire sane vie di fuga a ricchi industriali nelle città del Nord Europa eccessivamente inquinate. Quest’ultimi hanno avuto l’opportunità di fuggire nell’Europa meridionale per godersi le primavere, l’aria pulita e il clima invernale favorevole.

Oggi una moderna industria del benessere è in fase di evoluzione in un’industria con struttura e standard simili all’evoluzione dell’industria delle Spa. Nel 1991 la creazione dell’ISPA ha consentito lo sviluppo di definizioni e standard oggi utilizzati in tutto il mondo e ha stimolato la creazione di associazioni di Spa nazionali in molti paesi. Nel 2007 il Global Spa Summit è emerso come il punto di riferimento per i proprietari, gli operatori e i fornitori del settore, ed ora è sfociato nel Global Wellness Summit and Institute che fornisce una ricerca affidabile per tutto il benessere. Anche il passaggio del nome da Spa a Wellness ha segnato l’evoluzione verso il benessere.

Benessere” è una parola usata nei media mainstream, la quale porta vantaggi di riconoscimento al settore ma, in assenza di definizioni e standard accettati, aggiunge confusione e cautela al pubblico.

Proprio mentre ISPA e GWS hanno aggiunto importanza all’industria delle Spa, abbiamo visto come associazioni per il benessere, gruppi di benessere medico, gruppi di turismo del benessere e numerosi altri enti abbiano iniziato a investire nell’industria del benessere.

Le principali società alberghiere hanno rapidamente abbracciato l’industria delle Spa e hanno riconosciuto il potenziale valore degli Hotel. I direttori della Corporate Spa e le identità di marca sono stati creati per riflettere i valori del Brand dell’Hotel. Oggi, chiunque sia connesso al settore delle spa può facilmente identificare una serie di marchi leader nel settore delle Hotel Spa. Nel 2016 sono stato nominato Global Director of Well being per Accor. Un titolo selezionato per offrire l’opportunità di aiutare quest’ultimo a definire cosa significasse benessere per i marchi alberghieri sotto l’egida di Accor. Negli ultimi anni anche molti altri gruppi hanno creato la posizione di Wellness Director.

In qualità di Global Director of Wellbeing, il nostro team è stato in grado di spostare il focus dalla semplice fornitura di servizi all’ospite, ad un approccio più olistico per concept, design, funzionalità nelle camere, Food & Beverage, programmi per i dipendenti e, naturalmente, servizi per gli ospiti. C’è ancora molta strada da fare e ogni anno viene stabilito un nuovo programma o un nuovo standard.

Ma la domanda chiave è: la struttura attorno all’industria del benessere è davvero importante per il pubblico in generale? O è una forma di requisito di accesso per controllare gli attori all’interno del settore?

Proprio mentre l’industria del benessere discuteva della confusione pubblica riguardo l’uso improprio della parola Spa (basti pensare alle Spa per cani, al cibo termale o alle Dental Spa), ora ci troviamo di fronte alla generale incomprensione sulla definizione di Benessere. Alcune aziende sono accusate di green-washing (ambientalismo di facciata) e altre di un uso casuale del benessere nei loro programmi di marketing.

La mia opinione è che l’industria abbia bisogno di definizioni e standard universalmente riconosciuti per garantire che le normative sulla sicurezza e la salute siano in vigore e che le linee guida, le qualifiche e gli standard siano richiesti e riconosciuti per fornire identità, fiducia, credibilità e affidabilità degli operatori. L’attuale uso eccessivo del termine benessere (o anche l’uso improprio) potrebbe sulla carta creare una certa confusione, ma in realtà il risultato prevalente è quello di creare consapevolezza della parola e incoraggiare l’indagine e l’esplorazione dei criteri del benessere. La creazione di consapevolezza è la prima fase del successo e offre l’opportunità di creare motivazione e desiderio di partecipazione.

Sono orgoglioso del lavoro svolto da GWS e GWI per promuovere il benessere e unificare l’industria globale del benessere. Sono lieto di vedere la formazione e la formalizzazione dell’industria del turismo del benessere e del benessere medico. Sono contento di vedere il lavoro che Delos ha svolto per far capire ai gruppi alberghieri cosa significa benessere per le camere e sono felice di vedere formazioni di gruppi che lavorano insieme per costruire la struttura. Sono motivato a supportare e lavorare con architetti e progettisti lungimiranti che stanno trovando modi per integrare il benessere nel design.

C’è ancora molto lavoro da fare, ma nel 2022 possiamo sicuramente vedere che c’è un’industria del benessere in fase di maturazione, con riconosciuti settori di specializzazione. Il pubblico sta già beneficiando del design e dei servizi per il benessere senza essere consapevole del pensiero alla base del design, della costruzione, del servizio o dell’esperienza. Ciò è particolarmente importante in un’era COVID dove quasi ogni persona istruita sul pianeta riconosce la necessità di assumersi la propria responsabilità per ridurre il rischio di malattia.

Non c’è un uso eccessivo o improprio della parola Benessere – c’è un cambio di paradigma nel mondo del benessere che significa semplicemente che è necessaria una struttura…e questo sta accadendo.

 

Andrew Gibson

Andrew Gibson è una figura rispettata nel settore globale delle Spa. Porta sulle spalle oltre 30 anni di esperienza nel settore dell’Hospitality e dellaSpa presso Sensei Private Equity. La sua esperienza include aziende come Vice President of Well-Being, Luxury Brands per Accor Hotels, Raffles, Fairmont e Sofitel, dove è stato responsabile del Concept Design e dell’identità del Marchio nel campo del Benessere. Ha anche lavorato in posizioni di rilievo per Mandarin Oriental e Six Senses, ha inoltre lavorato come consulente per numerosi altri marchi di lusso.

[sp_testimonial id="20417"]